ABOUT

Mi chiamo Laura, esploratrice di labirinti con la testa fra le nuvole.

Dopo una laurea in beni culturali segretamente custodita nel cassetto, e un post-laurea a spasso tra circhi e campi rom, sono rientrata al paese natale, è arrivato un figlio e il primo lavoro “serio” come redattrice sul web.

Ma è attraverso l’Arte e il suo linguaggio simbolico che vomito Mostri, incontro Streghe Cattive, parlo con Fiori ed Erbe, inseguo Bianconigli, faccio indigestione di Succhiasucchiachemaisiconsumano.

Durante le mie esplorazioni spazio-temporali, sforno Collage e Illustrazioni Surreali, Bestiari immaginari ed Erbari fantastici, guardando il mondo a testa in giù.

Con il Collage, una delle forme d’arte che amo di più, estrapolo pezzetti sparsi di vite, mondi, culture, tempi, per riassemblarli a modo mio. Da esploratrice, e antropologa mancata, non potrei chiedere di meglio. 

Nelle mie creazioni, influenzate da un modus vivendi surreale, verità e finzione si mescolano indissolubilmente partorendo mondi paradossali, in un gioco di doppi, tripli, quadrupli, senza inizio nè fine.  Non semplici riflessi dell’inconscio ma ritratti di una nuova realtà in cui non esistono più confini.

Mi piacciono:

I prati verdi e caotici verso sera, prima del buio – I film drammatici, i vecchi horror di Pupi Avati, Fellini e Kusturica

I libri tragico-romantici e i saggi psicoanalitici – Le streghe cattive perché sono una razza in estinzione

Il Liberty o Art Nouveau, il Surrealismo e gli Artisti fuori dalle righe – I sogni notturni – Disegnare

I collage -I popoli arcaici – Il kitsch – I rom – L’antropologia – I vecchi stregoni di paese

I fiori primaverili – I misteri, il foklore, i cimiteri – I dubbi – La musica classica e le sonorità dell’est europa

Le Wunderkammer – I sentieri poco battuti – I viaggi senza meta – I bambini – Dormire

Share Button