Novembre 3, 2020

Cerdevol Curnila: il mio carnet de voyage illustrato alla scoperta della Val d’Arzino

Val D'Arzino

Ci sono desideri che sembrano non estinguersi mai e che tornano a bussare alla porta in modo così insistente da non lasciare scampo. O li consideri, o torneranno ancora e ancora, bussando sempre più forte.

Da ragazzina, quando viaggiavo, mi portavo sempre dietro un taccuino di viaggio dove annotavo pensieri, collezionavo francobolli, cartoline, ritagli di giornali, frammenti rubati ai luoghi che visitavo. Taccuini che hanno continuano a esercitare  su di me un fascino irresistibile sebbene quelli del passato siano andati in gran parte persi.

Sono irresistibilmente attratta da quella dimensione interiore/esteriore che viene a crearsi quando mi spingo altrove. Soprattutto quando mi allontano parecchio dai miei riferimenti culturali. In quegli altrove mi sento rigenerata ma al tempo stesso spossata. E’ una sensazione strana, piacevole e spiacevole, di perdita e riscoperta, che spesso ho tentato di tradurre in parole e immagini.

Anche nei momenti di fermo, non ho mai completamente rinunciato al mio amore per il carnet di antica memoria. Mirabilinto era nato così, come un taccuino di viaggio virtuale per esplorare, tramite diversi mezzi creativi, usi e costumi di altre culture. Poi quelle esplorazioni hanno aperto la porta ad altro trasformando questo non luogo in un labirinto di meraviglie non solo reali ma anche immaginarie.

Ma ho di nuovo voglia di spostarmi, non solo con l’immaginazione, e anche se non so dove mi porteranno i taccuini di viaggio, nuove compagnie interessanti si profilano all’orizzonte per condividere esperienze on the road che mi auguro trovino una loro voce.

Alla scoperta di Cerdevol Curnila nella Val d’Arzino

Per inaugurare questa riscoperta ho visitato Cerdevol Curnila, in Val D’Arzino, località del mio Friuli, conosciuta ormai in tutto il mondo per le acque cristalline delle vasche verde smeraldo, le cascate e la rigogliosa natura boschiva circostante.

Mentre mi godevo il paesaggio bagnando i piedi nelle acque gelide abbozzavo memorie e scattavo foto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *