Ophelia nell’arte e nella fotografia: ti ci riconosci?

Ophelia nell’arte e nella fotografia: ti ci riconosci? L’Ophelia di Millais è un soggetto che mi affascina da sempre, sarà per le sfumature verdastre, il fascino macabro della morte, il pallore del suo volto, l’immobilità del suo corpo avvolto da acque infide. Ma chi è Ophelia? La definirei la vittima femminile per eccellenza, delusa dall’amore di Amleto (anche se in realtà Amleto rinnega i sentimenti che prova per salvaguardarla dagli intrighi dello zio Claudio), vittima di un padre padrone, distrutta dal dolore per l’assassinio del padre da parte dello stesso Amleto.

Una donna fragile e insicura, ingenua e immatura, che si toglie la vita per disperazione e follia. La associo istintivamente a Kore, la figlia di Demetra e Zeus. Nonostante Kore sia più felice e spensierata di Ophelia cela pur sempre quella tipica immaturità femminile che rischia di renderla vittima della sua stessa passività. Difatti Kore si salva maturando attraverso un trauma (l’arrivo di Ade), che la costringe ad affrontare i demoni dell’inferno tramutandola in Persefone, la “Regina degli Inferi”. Il trauma per Ophelia è diverso, la annienta anziché aiutarla a crescere.

Ho conosciuto nella mia vita una fase “Ophelia/Kore”, direi un mix delle due, quando ancora mi sentivo profondamente insicura, eppure così incosciente da gettarmi senza filtri in esperienze a dir poco pericolose. Quando per amore avrei fatto di tutto, quando l’amore rappresentava tutto. Quando la vita quotidiana, normale, mi sembrava terribilmente noiosa e mi ribellavo ad essa con atteggiamento spavaldo (in questo ero più Kore). Quando, al tempo stesso, avevo ancora bisogno del supporto di qualcuno (genitori o partner) per sentirmi forte. E tu ti sei mai sentita fragile e indifesa come Ophelia? O spensierata e ingenua come Kore?

Le immagini che seguono, interpretazioni contemporanee di Ophelia, ti saranno d’ispirazione.

slevin-aaron

Slevin Aaron

slevin-aaron-ophelia

 Slevin Aaron

ophelia

Slevin Aaron

ophelia-arte

goodreads.com

ophelia

thereeversdeep.com

ophelia-foto

flickr.com

ophelia

anachronisticfairytales.tumblr.com

ophelia-photografy

threeriversdeep.wordpress.com

ophelia

threeriversdeep.wordpress.com

ophelia

exposureguide.com

Share Button

laurade

Laura, illustratrice mirabilintica. Creo illustrazioni folk e abiti multietnici in collaborazione con sarti di tutto il mondo.

2 Comments

  1. Che foto meravigliose…e quanti spunti per riflettere!!! Non nascondo che anche io ho passato una o più fasi simili, buttandomi in situazioni non pericolo nell’immediato ma le scelte che stavo ier fare avrebbero segnato il mio futuro. Cosa non si fa per amore, o creduto tale? Dico sempre che se a vent’anni avessi avuto la testa che ho adesso forse avrei avuto meno difficoltà… In ogni caso tutto serve per la nostra formazione no? Per forgiare il nostro carattere e renderci forti. Leggere di queste grandi donne della letteratura ci fa capire però che le loro emozioni sono attualissime anche se portate all’estremo…non so chi delle due mi assomigliava di più, si solo che ora sono diversa…
    Ah quanto mi piace chiacchierare Laura, un bacio!

    • Ciao Valeria, da giovani siamo tutte più propense a commettere sciocchezze, soprattutto in nome dell’amore. D’altronde va bene così, purché si impari a fare tesoro delle esperienze sbagliate. Io devo ammettere che la nascita di mio figlio mi ha restituito una carica strepitosa e un amore per la vita che non avevo mai provato prima, nonostante in apparenza mi divertissi molto di più. E sì, è bello esplorare l’universo femminile letterario, artistico, mitico, e rispecchiarvisi, aiuta a capirsi meglio. Bacioni anche a te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.